Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato nei giorni scorsi, la proposta del Governo che intende aggiungere alcuni obblighi per la formazione e informazione dei lavoratori addetti alle attività in ambienti confinati. Prevista, inoltre, la presenza di rappresentanti del committente in tutte le fasi di lavorazione.

Il Documento approvato dalle Regioni - che dovrà ora seguire l'iter per l'emanazione - definirà i criteri di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi destinati ad operare nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati (di cui agli articoli 66 e 121 ed all’allegato IV, punto 3, del d.lgs. n. 81/2008).
I requisiti dovrebbero riguardare:
- l’integrale applicazione delle vigenti disposizioni in materia di valutazione dei rischi, per queste lavorazioni, anche nei confronti dei lavoratori autonomi;
- una presenza del personale, in percentuale non inferiore al 30% della forza lavoro, con esperienza almeno triennale relativa a lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati;
- adeguata formazione e informazione mirata alla conoscenza dei fattori di rischio propri di tali attività, anche per il datore di lavoro ove impiegato per attività lavorative in ambienti pericolosi;
- rispetto dei dispositivi di protezione individuale, strumentazione e attrezzature di lavoro idonei alla prevenzione dei rischi propri di queste attività.

Dovrebbe inoltre essere escluso il ricorso a subappalti, se non autorizzati espressamente dal datore di lavoro committente e certificati ai sensi del Titolo VIII, Capo I, del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276
Quanto alle procedure relative alle lavorazioni in ambienti confinati, dovranno essere dirette ad eliminare o, ove possibile, ridurre al minimo i rischi e dovranno considerare le eventuali fasi di soccorso e di coordinamento con il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale e dei Vigili del fuoco.
Il mancato rispetto delle previsioni di cui sopra determina il venir meno della qualificazione necessaria per operare, direttamente o indirettamente, nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati.

Indicazioni per le attività ispettiveIl ministero ha prodotto in data 19 aprile 2011, la circolare n.13 con la quale si richiede alle Direzioni Provinciali del Lavoro di acquisire la documentazione utile a verificare la correttezza degli aspetti gestionali degli appalti in ambienti confinati, anche sotto il profilo del rispetto della normativa di salute e sicurezza.

In particolare, durante i controlli si dovrà verificare:
- La corretta e completa elaborazione del DUVRI da parte delle aziende committenti;
- Le misure di prevenzione e protezione previste per effettuare l’intervento lavorativo;
- I contenuti e la “effettività” della formazione/ informazione nei confronti dei lavoratori delle aziende appaltatrici sui rischi interferenziali delle attività svolte;
- L’efficienza del sistema organizzativo dell’emergenza.

I Comitati regionali di coordinamento verranno tempestivamente informati ed aggiornati sullo svolgimento di tale attività, anche ai fini del coinvolgimento delle parti sociali 

(fonte Redazione Ambiente & Sicurezza sul Lavoro).

Le misure anticrisi messe a punto dalla Provincia di Ancona si arricchiscono di un nuovo progetto che mira a promuovere la ricerca e l'innovazione del tessuto produttivo locale. La giunta provinciale, infatti, ha approvato un bando di 610 mila euro per il finanziamento di 61 borse di studio rivolte a studenti del sistema post-universitario, ricercatori, disoccupati o inoccupati in possesso di diploma di laurea vecchio ordinamento o laurea specialistica. Obiettivo: la realizzazione di progetti presso aziende pubbliche o private nell'area dell'innovazione tecnologica. I campi di ricerca riguarderanno: il risparmio energetico e l'utilizzo di energie rinnovabili nella produzione; l'introduzione di tecnologie informatiche nelle aziende, la domotica, l'implementazione delle condizioni di sicurezza nei processi produttivi; il marketing per la ricerca di nuovi mercati; le biotecnologie e i prodotti della salute. Ciascuna borsa, dell'importo mensile di 750 euro lordi, avrà durata di un anno. L'ammissione dei progetti sarà subordinata alla certificazione da parte di un ateneo.

"È un investimento - afferma la presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande - su un asse strategico per il rilancio del nostro modello di crescita. L'uscita dalla crisi, infatti, passa principalmente dall'innovazione tecnologica e dalla riqualificazione dei modelli produttivi, che permettono alle aziende di migliorare la loro competitività su mercati nazionali ed internazionali".

"Mentre a livello nazionale si tagliano i fondi - aggiunge l'assessore al Sistema formativo Maurizio Quercetti - con questo bando la Provincia sceglie di favorire un meccanismo virtuoso che valorizza le attività di ricerca scientifica nel territorio e, contestualmente, sostiene l'inserimento nel mercato del lavoro di professionalità qualificate e rispondenti alle esigenze delle imprese locali. L'auspicio è che ciò possa costituire un volano per un'occupazione stabile e di alto profilo".

Il bando, consultabile nel sito www.istruzioneformazionelavoro.it, scade l'8 giugno 2011.

Sicurweb 2.8.4
Il sistema informatico gestionale, SICURWEB consente una completa valutazione dei rischi nonchè l'attuazione e la gestione di un modello organizzativo ai sensi della norma OHSAS 18001:2007. Consorzio Infotel e i suoi collaboratori garantiscono inoltre una valida consulenza nell'ambito tecnico e normativo. A corredo dell' offerta, sono a disposizione del cliente partner specializzati nella certificazione dei sistemi di gestione della qualità e della sicurezza. SICURWEB è una applicazione WEB che non richiede alcuna installazione di software aggiuntivo sulle postazioni di lavoro (client). I principali vantaggi offerti dal sistema SICURWEB:
  • Aggiornamento: Le applicazioni web-based sono sempre aggiornate. Gli aggiornamenti sono semplici e veloci perchè distribuiti via internet (o via rete LAN).
  • Immediatezza di accesso: Le applicazioni web-based non hanno bisogno di essere scaricate, installate e configurate. Basta l'autenticazione online da parte dell'utente (Login e Password).
  • Accesso multi-utenza: Le applicazioni web-based possono essere utilizzate da utenti diversi nello stesso momento.
- Regole avanzate di condivisione: per consentire una profilazione orizzontale oltre che verticale degli utenti
- Creazione di gruppi di utenti con poteri avanzati
- Gestione avanzata dell'accesso utenti
- Back office del filtro allertati
- Gestione dipendenti con numerosi filtri e possibilità di stampa del filtro eseguito compreso allertati.
- Scadenzario azienda con filtro per tipologia , stampa ed invio notifica via mail
- Scadenzario dipendente ed esecuzione dell’ evento programmato
- Filtro delle visite e formazione effettuate
- Storicizzazione delle visite e formazione effettuate
- Gestione infortuni con calcolo automatico giorni assenza
- Statistiche infortuni
- Indici statistici infortuni
- Inserimento prototipi per AREA Omogenea
- Inserimento di prototipi per Mansione
- Procedure di Sicurezza in formato WORD
- Archivi di base personalizzabili
- Check List Personalizzabili
- Upload dei file delle visite e della formazione aziendale
- Anagrafica dipendenti
- Creazione luoghi di lavoro da associare

- Check list per l’esame preliminare
- Censimento Risorse Documenti e planimetrie 
- Incendi con visualizzatore DXF
- Creazione manuale qualità
- Inserimento obiettivi azienda
- Redazione dvr con e senza prototipi
- Programma di miglioramento
- Inserimento valutazioni specifiche
- Pianificazione della politica
- Scadenzario azienda con inserimento manuale
- Documenti e planimetrie  PEE con visualizzatore DXF
- Figure SSL
- Controlli di gestioni conformità e non conformità
- Stampe con estrapolazione dei dati per gestore stampe

Richiedi Demo

Infotel sarà presente alla fiera Ambiente Lavoro (03-05/05/2011_Bologna) c/o il Pad 21 Stand A19.

Durante la fiera saranno effettuati seminari in materia di Safety con rilascio crediti formativi valevoli come aggiornamento professionale RSPP/ASPP tutti i codici Ateco (4 ore).


Ambiente e Lavoro

Segreteria Organizzativa Eventi , Referente: Dott.ssa Cristina De Donato Mail: eventi@consorzioinfotel.it

Richiedi Invito Richiedi Invito Online
  • Seminario 03/05/2011 : " Rischi Specifici "
  • Seminario 03/05/2011 : " Coordinatori Sicurezza: aggiornamento "
  • Seminario 04/05/2011 : " OHSAS 18001 e Asseverazioni "
  • Seminario 04/05/2011 : " Obiettivo: Lavoro in Sicurezza "
  • Seminario 05/05/2011 : " Coordinatori Sicurezza: aggiornamento "
  • Seminario 05/05/2011 : " OHSAS 18001 e Asseverazioni "
Segreteria Organizzativa Eventi , Referente: Dott.ssa Cristina De Donato Mail: eventi@consorzioinfotel.it

Richiedi Invito Richiedi invito ai seminari

"SICUREZZA E SALUTE IN AGRICOLTURA", Serata di aggiornamento professionale rivolta a tutti gli operatori delle aziende agricole/zootecniche e ai tecnici del settore. Le operazioni svolte in ambito agricolo/zootecnico non sono esenti da rischi per la salute dei lavoratori, anzi, l’agricoltura nel suo complesso è uno dei settori in cui la probabilità infortunistica è più elevata, così come l’insorgenza di patologie professionali.

Il rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, oltre ad essere un obbligo previsto dalla legge e anche un preciso dovere morale e sociale per tutti gli addetti nel settore primario. Inoltre la sicurezza sul lavoro è una ottima opportunità professionale per tutti i tecnici (liberi professionisti o dipendenti).
Nasce da queste considerazioni l’iniziativa del Collegio degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati della Provincia di Cuneo atta a realizzare una serata di aggiornamento rivolta a tecnici e lavoratori nel settore agricolo / zootecnico con lo scopo di fornire loro le conoscenze e gli strumenti necessari per trasferire i contenuti della legge nei diversi contesti lavorativi.

L’incontro si svolgerà Venerdì 6 maggio 2011 alle ore 20.30 a Fossano presso l’I.P.S.A.A. "Paolo Barbero", fraz. Cussanio, 13/B. Durante la serata i relatori (Agr Dot Andrea GIRAUDO, P. I. Danilo RANCORATI, P. I. Nicola SORZANA e P. I. Marco RANCORATI) soffermeranno la loro attenzione sui seguenti aspetti: 

- Il quadro normativo che regola la valutazione dei rischi durante lo svolgimento delle normali attività lavorative.
- Le figure obbligatorie imposte dal D.Lgs. 81/08 e successivamente modificato ed integrato dal D.Lgs. 106/09.
- Le sanzioni definite dal D.Lgs. 81/08 per le eventuali inadempienze.
- Concetti di base per la realizzazione del documento generale della valutazione dei rischi.
- Identificazione dei principali rischi legati alle attività agricole con annesse le prime indicazione tecniche per la prevenzione e la protezione.
- Le attività che un Agrotecnico può svolgere nell’ambito della prevenzione e protezione dei rischi legati alle attività agricole / zootecniche.
2011 Anno Internazionale delle Foreste
 
Durante gli interventi sarà dato ampio spazio alla discussione con i partecipanti e alle problematiche inerenti l’applicazione pratica della normativa.
 
L’iniziativa è rivolta in particolare a tutti gli operatori delle aziende agricole / zootecniche e ai tecnici del settore. La partecipazione è gratuita.

Per maggiori informazione è possibile rivolgersi al Collegio Provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati di Cuneo, tel. e FAX: 0172 693 718, cel: 340 184 55 55, e-mail: cuneo@agrotecnici.it, PEC: cuneo@pecagrotecnici.it, Sito internet: www.agrotecnicicuneo.it

Schede Cantieristica 5.0.

Pubblicato da Lilino Albanese | 10:16

NUOVO Pacchetto Schede Cantieristica 5.0

Per agevolare l’operato e il lavoro dei consulenti/professionisti/imprese, è stato realizzato il NUOVO Pacchetto Schede Cantieristica 5.0.

In maniera pratica sono state predisposte circa 1000 schede di valutazione dei rischi redatte in formato Microsoft Word per ulteriori modifiche o personalizzazioni

Le schede riportano la classificazione e la valutazione dei rischi, le relative misure di prevenzione e protezione ed i DPI obbligatori (Dispositivi di Protezione Individuale).

In questo modo diventa facile e veloce redigere i principali documenti della cantieristica, soprattutto i Piani di Sicurezza (POS/PSC/PSS).

PRINCIPALI SETTORI

ALLESTIMENTO CANTIERE EDILIZIO
BONIFICA AMIANTO
CANTIERE NAVALI (Costruzione e assemblaggio scafo e sovrastrutture)
CANTIERI PER OPERE STRADALI
DEMOLIZIONI
LAVORI IDRAULICI
IMPIANTI FOTOVOLTAICI
IMPIANTI EOLICI
IMPIANTI ANTINTRUSIONE
IMPIANTI ANTINCENDIO
INTONACI E TINTEGGIATURE
LAVORO ELETTRICI
OPERE DI FABBRO
OPERE IDRAULICHE
MONTAGGIO MACCHINE DI CANTIERE
SCAVI E MOVIMENTI DI TERRA
STRUTTURE IN C.A.


Scopri di piu'

Promozione dei prodotti irpini presso la Grande Distribuzione Organizzata, ammodernamento delle imprese artigiane, innovazione nel sistema distributivo irpino, certificazione di qualità dei sistemi di gestione e formazione professionale: la Camera di Commercio di Avellino promuove cinque bandi per la concessione di contributi alle aziende della provincia di Avellino.

L’obiettivo è quello di contribuire alla crescita qualitativa delle imprese irpine, attraverso azioni specifiche mirate a soddisfare le varie esigenze del tessuto imprenditoriale, rafforzandolo sempre di più e favorendone lo sviluppo. I cinque bandi si apriranno lunedì 11 aprile. Ciascun impresa potrà partecipare ad un solo bando di contributi.

Il primo bando (contributi alle PMI e loro consorzi per favorire la promozione dei prodotti irpini presso la Grande Distribuzione Organizzata), per il quale è previsto un investimento di centomila euro, concede contributi (fino a un massimo di 2.000 euro) alle piccole e medie imprese e consorzi (fino a un massimo di 4.000 euro) per favorire la promozione dei prodotti irpini (in particolare dei settori agroalimentare, artigianato, pellami e confezioni in pelle, tessile-abbigliamento) presso la Grande Distribuzione Organizzata (GDO) attraverso l’organizzazione di iniziative promozionali presso strutture commerciali italiane, così da supportare le aziende provinciali nella promozione dei loro prodotti sul mercato italiano e per sostenere le aziende irpine già presenti nel territorio nazionale ad estendere la loro presenza, incrementandone la visibilità e rafforzandone l’immagine agli occhi dei consumatori.

Il secondo bando (contributi per l’ammodernamento delle imprese artigiane) si rivolge alle imprese iscritte all’Albo artigiani per l’acquisto di attrezzature al fine di favorire l’ammodernamento aziendale, e prevede, attraverso un investimento totale di 150mila euro, la concessione di contributi fino a un massimo di 3.000 euro per azienda.

Il sostegno all’innovazione nel sistema distributivo irpino e la concessione di contributi “Innova Retail” sono l’oggetto del terzo bando, attraverso il quale la Camera di Commercio di Avellino prevede un investimento di 150mila euro con la concessione di un contributo fino a un massimo di 3.000 euro ad azienda per sostenere l’innovazione diffusa a favore delle piccole e medie imprese del commercio e dei pubblici servizi, attraverso la realizzazione di investimenti in ambito informativo, per la sicurezza ed in ambito energetico. L’obiettivo generale è quello di promuovere la competitività delle piccole e medie imprese favorendo l’adozione e lo sviluppo di innovazioni di processo a carattere tecnologico, organizzativo, gestionale, sia nell’ambito delle relazioni in rete con gli altri operatori, sia nei rapporti con i clienti.

Il quarto bando (contributi alle imprese per la certificazione di qualità dei sistemi di gestione) è dedicato alla realizzazione di interventi aziendali a garanzia della qualità, della tutela dell’ambiente, della sicurezza sul lavoro e sui sistemi di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari. Grazie allo stanziamento di 150mila euro, la Camera di Commercio di Avellino concede un contributo da un minimo di 2.000 euro fino ad un massimo di 5.000 euro alle piccole e medie imprese che ottengono una certificazione di qualità tra quelle previste dal bando, a garanzia della qualità, della tutela dell’ambiente, della sicurezza sul lavoro e sui sistemi di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari.

L’ultimo bando è dedicato alla formazione professionale nelle piccole e medie imprese della provincia di Avellino, con la concessione di un contributo fino a un massimo di 1.500 euro ad azienda (con uno stanziamento di 100mila euro) per favorire la formazione e l’aggiornamento professionale di imprenditori, dirigenti d’azienda, dipendenti e collaboratori familiari, attraverso la partecipazione a corsi attinenti all'attività e all'oggetto sociale dell'impresa, organizzati da strutture accreditate per la formazione professionale.