Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

Si è concluso con l'evento di premiazione e con l'attribuzione del marchio "Azienda Sicura 2010" il Concorso "Le Buone Prassi per la sicurezza sul lavoro". L'iniziativa è stata promossa dall'Assessorato alle Politiche Attive del Lavoro della Regione Abruzzo e realizzata da Abruzzo Lavoro nell'ambito del Progetto SICURLAVORANDO (PO 2007-2008), allo scopo di individuare le aziende più virtuose in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e di renderle note al pubblico, favorendo lo scambio di Best Practice.

Lanciato lo scorso luglio mediante l'invio di un coupon di iscrizione e attraverso inserzioni pubblicitarie e azioni di mail marketing, il concorso ha raccolto le candidature di circa quaranta aziende. In una fase successiva alle aziende iscritte è stato chiesto, ai fini della trasparenza nella valutazione, di autocertificare il possesso dei requisiti enunciati in fase di candidatura. Tra le aziende che hanno risposto positivamente producendo la documentazione richiesta sono state selezionate, grazie ad alcuni ex equo, le sei aziende vincitrici che sono:

- DAYCO EUROPE Srl – Manoppello (PE) – Settore di attività: gomma e plastica. Ha ricevuto il premio Massimo Papa, Responsabile Risorse Umane

- DOMPÉ Spa – L'Aquila – Settore di attività: chimico-farmaceutico. Ha ricevuto il premio Stefania Scarsella, RSPP (Responsabile Sicurezza, Prevenzione e Protezione)

- ISRINGHAUSEN Spa – Atessa (CH) – Settore di attività: metalmeccanico. Ha ricevuto il premio Paolo Forte, Direttore di Stabilimento

- SAINT-GOBAIN Abrasivi Spa – Colledara (TE) – Settore di attività: metalmeccanico. Ha ricevuto il premio Enrico Coccoli, Direttore di Stabilimento

- S.I.S. Srl – Spoltore (PE) – Settore di attività: petrolifero. Ha ricevuto il premio Andrea Ferrante, Direttore Commerciale

- SIVAM Srl – Spoltore (PE) – Settore di attività: petrolifero. Ha ricevuto il premio Paolo Orsini, Presidente

I rappresentanti delle aziende vincitrici hanno ricevuto, in occasione dell'odierno evento di premiazione, il marchio "Azienda Sicura 2010", con il relativo manuale d'uso, che potranno utilizzare per promuovere la propria immagine di azienda virtuosa.

Le sei aziende, insieme alle altre risultate non vincitrici, sono state inoltre inserite nella pubblicazione "Impresa Sicura – Le Best Practice in Abruzzo per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro" che sarà distribuita tramite spedizioni postali presso le istituzioni, le associazioni di categoria, la stampa e attraverso un'edizione della newsletter elettronica.

«Questa iniziativa è dedicata alle imprese abruzzesi che si distinguono per l'applicazione delle norme in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro e che rappresentano sul tema della sicurezza dei casi di eccellenza del sistema produttivo regionale – ha sottolineato l'Assessore Regionale alle Politiche Attive del Lavoro, Paolo Gatti. – Un'iniziativa che segue l'impegno dell'Amministrazione regionale nel dare priorità a interventi finalizzati a promuovere la sicurezza e la prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro, attraverso la sperimentazione di strumenti efficaci e innovativi di sensibilizzazione che prevedono lo scambio e la condivisione di buone pratiche. Il nostro auspicio è che tutti gli attori coinvolti, datori di lavoro, istituzioni preposte e gli stessi lavoratori, legati da un significativo patto di fiducia, riescano a percepire completamente gli incomparabili benefici che derivano da una corretta applicazione di tutte le norme vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, non solo in termini di salvaguardia di vite umane, ma anche in termini di competitività e di presenza sul mercato. Le leggi e i sistemi di certificazione sono da incentivo per le aziende più sicure a perseguire questa strada che le condurrà positivamente verso scenari nazionali e internazionali. Le regole, però, da sole non bastano. Occorre insistere su formazione, sensibilizzazione e comunicazione per ribadire a tutti che la sicurezza sul lavoro è una questione di cultura che riguarda e interessa l'intera collettività».

In occasione dell'incontro odierno sono stati inoltre premiati gli studenti vincitori del concorso "Occhio alla Sicurezza" per la realizzazione di progetti sperimentali in materia di sicurezza e prevenzione degli infortuni sul lavoro riservato alle quinte classi degli istituti tecnico-professionali coinvolti negli incontri formativi realizzati nell'ambito del Progetto Sicurlavorando.

Ad aggiudicarsi la Borsa Premio del valore di mille euro, utile a contribuire ai costi di gestione di stage aziendali, gli studenti delle classi VA Elettronica e Telecomunicazioni (Andrea Di Biase, Marco Santucci, Stefano Straccialini), VA Meccanica (Andrea Acconciamessa, Andrea d'Angelo, Marco Capodicasa, Federico Faricelli, Gianluca Perinetti, Andrea Celli) e VB Meccanica (Natan D'Angelo, Luca Buccella, Dino Romano, Andrea Tortora, Bruno Mucci) dell'Istituto di Istruzione Superiore Alessandro Volta di Pescara, grazie al progetto realizzato dal titolo "Gli occhiali antinfortunistici del futuro".

Gli studenti premiati riceveranno, inoltre, dei biglietti-omaggio per il Parco Avventura Majella, dove verranno coinvolti in una giornata ludico–formativa dedicata ai lavori in quota e potranno applicare le specifiche norme di sicurezza nelle attività di arrampicata e di percorsi avventura.

«La scuola rappresenta il territorio elettivo per iniziative in grado di creare consapevolezza e di sperimentare nuove forme di approccio alle tematiche di valenza sociale – ha concluso l'Assessore Gatti. – È fondamentale che la cultura della sicurezza si affermi già nella scuola, anzi parta da essa, integrando e potenziando le tematiche della salute e della sicurezza nei curricula formativi degli istituti di ogni ordine e grado, con la speranza che, una volta acquisiti dalle giovani generazioni, tali valori possano essere meglio trasferiti anche agli adulti. La collaborazione tra istituzioni e sistema formativo è fondamentale per consentire di formare futuri cittadini consapevoli e responsabili».

6 commenti