Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

d lgs 81D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo coordinato con il D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106
TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO
REV.OTTOBRE 2013


NOTE ALLA VERSIONE OTTOBRE 2013

Novità in questa versione:

allegato V al d.lgs. 81/08
Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all’allegato V al d.lgs. 81/08

Edizione 2013

Il Gruppo di lavoro nazionale ha approvato il documento “Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all’allegato V al d.lgs. 81/08” il 4 Luglio 2013. Per il presente documento è stato avviato l’iter procedurale previsto dall’art. 2 comma 1 lettera Z del d.lgs. 81/08 per l’ottenimento dello status giuridico di linea guida.

D.lgs. 81/08

Fatto

1. Con sentenza 24.5.2012 il Tribunale di Torino ha dichiarato D. P. colpevole della contravvenzione di cui all'art. 22 del D.Lvo n. 626/1994 perché, quale l.r. della società cooperativa G., ometteva di assicurare informazioni sulla sicurezza, osservando in particolare, per quanto interessa in questa sede, che la formazione fornita al lavoratore C. G. (impartite mediante due incontri di quindici minuti ciascuno) non fosse adeguata.

2. Il D. P. ricorre per cassazione denunziando due motivi.

Responsabilità di un datore di lavoro per incontri formativi brevi: necessario accertamento della comprensione da parte dei lavoratori, soprattutto se stranieri

Roma, il 4.6.2013 



Nell’ottica di salvaguardare la salute e la sicurezza dei lavoratori e di migliorarne gli standard nel corso del tempo, si pone fortemente l’accento sulla valutazione delle condizioni e delle caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere, dei rischi presenti nell'ambiente di lavoro, dei rischi derivanti dall'impiego delle attrezzature di lavoro e nella loro disposizione al fine di ridurre i rischi per gli utilizzatori e le altre persone.

Le attrezzature di lavoro giocano quindi un ruolo fondamentale nelle varie attività lavorative, per tali motivi la normativa “obbliga” il datore di lavoro a scegliere in maniera opportuna le attrezzature di lavoro in termini di ergonomia e spazi di lavoro, ma soprattutto disciplina la loro manutenzione, controllo e verifica.

Garantire quindi i requisiti di integrità, sicurezza e funzionalità delle attrezzature di lavoro nel tempo è sicuramente indice di una corretta prevenzione e salvaguardia dei lavoratori.

scarica manuale manutenzione macchine

Newsletter 22 Ottobre 2013
News - Categoria 'Sicurezza'
Rischio biologico per i soccorritori non sanitari dell'emergenza
operatori dell'emergenza
21 ottobre 2013
 
Sentenza Cassazione , incontri formativi brevi , formazione inadeguata
Cassazione Penale, Sez. 4, 01 ottobre 2013, n. 40605
19 ottobre 2013
 
cultura della sicurezza , Gli infortuni piaga sociale , La sicurezza come valore da insegnare ,
NEWS INAIL
17 ottobre 2013
 

News - Categoria 'Bandi e Concorsi'

Convegno URBANISTICA E IMPRESE. Sinergie per la ripresa
Lunedì 21 ottobre alle ore 12.00 Complesso di Santa Sofia
20 ottobre 2013
 
Premio Imprese per la Sicurezza
La partecipazione è libera previa iscrizione
18 ottobre 2013
 

News - Categoria 'Edilizia'

Bonus edilizi, arriva la proroga
Fonte ANCE
21 ottobre 2013
 
L’uso improprio di scale portatili può causare gravi incidenti
Utilizzale in sicurezza
20 ottobre 2013
 

News - Categoria 'Generale'

Le semplificazioni alla disciplina del Durc
Le novità che disciplinano l’emissione e l’utilizzo del documento unico di regolarità contributiva
21 ottobre 2013
 
Prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale
Circolare n. 50 del 10 ottobre 2013
19 ottobre 2013
 

accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011Recepimento degli accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e del 22 febbraio 2012 in materia di formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Revisione e riordino dei provvedimenti regionali in materia di cui alle DDGR n. 49–3373 del 11/07/2006 e n. 50-3374 del 11/07/2006.




Newsletter 8 Ottobre 2013
News - Categoria 'Sicurezza'
Formazione d lgs 81 regione piemonte
Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013
07 ottobre 2013
 
Sicurezza lavoro Regione Campania
entrata in vigore il 10 settembre 2013
04 ottobre 2013
 
UNI 9994-1:2013
20 giugno 2013
04 ottobre 2013
 
Scadenze normativa dvr e formazione
DVR standard Formazione
01 ottobre 2013

News - Categoria 'Bandi e Concorsi'

BANDO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE
mettere in sicurezza le macchine agricole
06 ottobre 2013
 

News - Categoria 'Generale'
 
Ancora chiarimenti sulla normativa relativa alle terre e rocce da scavo
legge di conversione n. 98/2013
07 ottobre 2013
 
Legge regionale toscana , protezione e bonifica dell'ambiente dai pericoli derivanti dall'amianto
Legge regionale 19 settembre 2013, n. 51
07 ottobre 2013
 

Professionisti 4,3 mln con 750 euro al mese

Pubblicato da Lilino Albanese | 02:30

Diritti e rappresentanza nel lavoro professionaleLe partite Iva guadagano in media a 9mila euro l'anno e non hanno diritto agli ammortizzatori sociali. Spicca la differenza di trattamento per le donne, con differenze fino a 6mila euro. Un decalogo della Cgil per superare ingiustizie e disuguaglianze

Un esercito di oltre 4,3 milioni di persone con un reddito di circa 9mila euro l'anno. Sono i cosiddetti 'professionisti', vittime per la gran parte di diseguaglianze di genere e di ingiustizie come la mancanza di ammortizzatori sociali. È il quadro “inedito e preoccupante” che la Cgil affronta nel 'Decalogo dei diritti' , un complesso di proposte elaborate assieme a moltissime associazioni professionali per garantire, anche attraverso la contrattazione collettiva, le tutele sociali a tutti i lavoratori indipendentemente dalle loro modalità d'impiego. Se ne parla il 3-4 ottobre alla conferenza d'indirizzo della 'Consulta del Lavoro Professionale' promossa dalla Cgil col titolo “Diritti e rappresentanza nel lavoro professionale”.

Link : rassegna.it

convegno pescaraL’evoluzione del restauro e della manutenzione delle strutture in c.a. e c.a.p.

Dai limiti del ripristino stratificato con malte polimero-cemento all’innovativo ripristino monolitico con geomalte eco-compatibili.

Programma Convegno
ore 14.30-15.00 Registrazione dei partecipanti
ore 15.00-15.30 Saluto di benvenuto
Ing. Maurizio Vicaretti – Presidente Ordine Ingegneri della provincia di Pescara
Antonio D’Intino – Direttivo Nazionale ANCE
ore 15.30-17.00 L’evoluzione della ricerca nel settore dei leganti, delle malte e dei sistemi per il ripristino e la
manutenzione delle strutture in calcestruzzo armato. Geoleganti e malte a matrice geopolimerica.
Esempi pratici di restauro architettonico e strutturale.
Prof. Ing. Luigi Coppola – Facoltà di Ingegneria - Università di Bergamo
ore 17.00 Coffee break
ore 17.15-19.00 GeoLite®: la prima geomalta per il ripristino monolitico del calcestruzzo.
Stefano Balestrazzi – Kerakoll Spa - Sassuolo MO
ore 19.00 Saluto di chiusura
Roberto Chiola – Presidente FORMEDIL
ore 19.15 Aperitivo a buffet
Ai Geometri partecipanti verranno riconosciuti n. 4 CFP, previa firma di ingresso ed uscita presso il desk della segreteria organizzativa.

PESCARA - 10 OTTOBRE 2013 - ore 14.30
SERENA MAJESTIC HOTEL RESIDENCE
Viale Carlo Maresca, 12 Montesilvano (PE)


sistriL’articolo 11, comma 1, del decreto legge 31 agosto 2013, n.101, modificando i commi 1, 2 e 3 dell'articolo 188-ter, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, prevede un  obbligo di adesione al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) per i seguenti soggetti:

-  i “produttori iniziali di rifiuti pericolosi”;
-  gli altri detentori di rifiuti pericolosi prodotti da terzi, e precisamente:

-  “gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale”;
-  “gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi”;
-  i “nuovi produttori” di rifiuti pericolosi.

La norma non contempla l’obbligo di iscrizione per

-   i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi;
-   gli enti e le imprese che effettuano attività di gestione dei rifiuti non pericolosi;
-   i  trasportatori  di  rifiuti  urbani  del  territorio  di  regioni  diverse  dalla Regione Campania.

Detti soggetti possono aderire al SISTRI  su base volontaria ai sensi del comma 2 dell’art. 188-ter del d.lgs. n. 152/2006 come modificato dall’art. 11 del d.l. n. 101/2013, e del comma 5 del citato art. 11 del d.l. n. 101/2013.

Con uno o più decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentiti il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro delle infrastrutture  e  dei  trasporti,  potranno  essere  specificate  le categorie  di soggetti obbligati all’adesione e verranno individuate, nell'ambito degli enti o imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti,  eventuali ulteriori categorie di soggetti a cui è necessario estendere il sistema di tracciabilità. Il primo  decreto deve comunque essere adottato entro il 3 marzo 2014.






Newsletter 1 Ottobre 2013
News - Categoria 'Sicurezza'
Vademecum manutenzione macchine
attrezzature di lavoro
30 settembre 2013
 
Buone prassi validate dalla Commissione Consultiva Permanente
25 settembre 2013
27 settembre 2013
 
Schede tematiche , DPI , regole vitali
Pubblicazioni Suva Settembre 2013
26 settembre 2013
 

News - Categoria 'Bandi e Concorsi'

Il valore sicurezza e i valori della sicurezza
Consorzio SAF€RA e l'INAIL
27 settembre 2013

News - Categoria 'Edilizia'

Manuale sicurezza lavoratori in Edilizia
CPT taranto
25 settembre 2013
 

News - Categoria 'Generale'

Giornata dedicata alle vittime del lavoro
13 ottobre 2013
27 settembre 2013
 
DURC. Art. 31 DL 69/2013 convertito nella legge 98/2013
Modifiche alla disciplina del DURC
27 settembre 2013
 
SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE.
POTENZA - MELFI - LAGONEGRO
27 settembre 2013